parallax background

La torta di mele del nonno

La torta di mele del nonno


Tutti hanno nei loro blog le ricette della nonna… io no!

Non che mia nonna non fosse una buona cuoca tutt’ altro , ho anche le sue ricette in un quaderno che conserva mia madre e proprio l’altro giorno lo sfogliavamo e in quel momento, a distanza di quarant’anni, tra le pagine che sfogliavo mi è sembrato di risentire l’odore del caramello sul tavolo di marmo per fare le caramelle a noi nipoti ed ho sentito anche l’odore del suo ragù e delle braciole baresi. ed anche delle pettole di mia nonna uniche ed irripetibili.

Ricordo ancora l’odore dei liquori misto a quello delle caramelle Rossana quando apriva la vetrinetta che teneva sottochiave nella credenza della stanza da pranzo perché noi nipoti non andassimo a prenderle di nascosto .

Eravamo tanti i nipoti la domenica e tutti arrivando aspettavamo quel rito che si compiva di volta in volta quando dalla tasca del grembiule usciva la chiave !

A quel quaderno non ho attinto mai, i suoi sapori credo non fossero solo la ricetta, così come per i miei figli e nipoti i panzerotti come li fa mia madre, la loro nonna, non li sa fare nessuno, idem i maccheroni con il sugo….insomma… non sono le cose scritte dalla nonna la riuscita della ricetta, ma sono i gesti, le aspettative, l’allegria e l’età del momento ed i ricordi di un’infanzia lontana e magica e chiassosa come può essere una famiglia pugliese che rendono magiche le ricette delle nostre nonne.

Io ricordo i sapori di mia nonna, non mi interessano molto le nonne degli altri, poi figurarsi se di un’altra regione e di un ‘altra città…quindi lontane dalle mie abitudini ed usanze, ognuno di nonna si tenga la propria e visto il mio preambolo ovviamente non vi propino la torta fatta dalla nonna, ci mancherebbe!

Questa torta è del nonno perché è destinata al nonno, ovvero mio padre, che non ha mai preparato una torta in vita sua, ma in questi giorni un pò capriccioso nel mangiare l’ho corrotto con una torta di mele che sarà la sua colazione e la sua merenda assieme ad i miei biscottono “Non mi fermo pù” di cui è un grande estimatore, infatti sto diventando una fabbrica di biscotti, Spesso avanti con l’età si torna un pò bambini e si ha voglia di qualche attenzione in più ed io che spesso non sono brava con le parole o con le smancerie, preparando qualcosa di buono lo coccolo a modo mio e credo di fare arrivare comunque tutto il mio amore silenzioso anche se sporco di uova e farina.

Ci sono mille modi per comunicare, per me cucinare per gli altri, dedicare il mio tempo a stare in cucina anziché sul divano o a passeggio è come dire ti voglio bene e mi fa piacere fare questo per te!

Tornando alla nostra torta, è una torta dal sapore semplice che profuma di burro e cannella senza innovazioni , ma soffice e tanto buona nessun altro requisito credo se non la semplicità!



Ingredienti La torta di mele del nonno

  • 3 uova intere
  • 200 g di zucchero
  • 220 g di farina
  • 30 g di frumina
  • 150 g di latte
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 70 g di burro sciolto non bollente
  • 5 mele a fettine
  • 1 limone il succo
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna

Preparazione

Preparazione impasto

  1. Inserire le uova intere in planetaria con lo zucchero e con la frusta a filo montare almeno per 5 minuti,una montata gonfia e soffice fa la differenza.

    Unire la farina setacciata con la frumina ed il lievito e nel contempo unire il latte gradatamente.

    Aggiungere il burro, il pizzico di sale, la vaniglia e ed in ultimo il lievito e montare l'impasto almeno cinque minuti. Sbucciare le mele, tagliare a fettine, irrorare con il succo di limone rigirando per non fare annerire .

    Imburrare ed infarinare una teglia da 24 cm versare l'impasto e poggiare a raggiera le fettine di mele.

    Spolverare con lo zucchero di canna setacciato con la cannella le mele .

    Infornare a 200° per 40 minuti circa prova stecchino.

    Sformare la torta fredda.

Ecco il risultato