parallax background

Brioche Vendèenne, la brioche francese Pasquale


Eccomi qua, in una bellissima giornata di Febbraio che anticipa la Primavera con il suo tepore, con il sole e con tanta voglia di fare...a me il sole mette buon umore, anche se sarei più propensa ad una bella passeggiata in scooter anzichè scrivere, ma sono sicura che riuscirò a fare entrambe le cose.

Da tanto faccio la corte a questa brioche che ogni tanto compare sul web, inutile falsamente dire che ho la vera ricetta francese perchè letta nei più autorevoli blog francesi perchè non conosco la lingua, ma ho letto tanto da blog noti e meno noti italiani , poi mi sono lasciata ispirare e guidare dalla ricetta di Fiordipistacchio alla quale ho apportato microscopiche modifiche come inserire il limoncello anzichè il rum , qualche grammo in più di panna, l'inserimento del sale con il burro, proprio sciocchi dettagli perchè mi piace provare le ricette per quelle che sono, salvo eventualmente apportare modifiche in seconda battuta, ma questa brioche è perfetta così.

Come anticipa il titolo è una brioche Franchese tipica della regione della Vandea da cui prende il nome e veniva inizialmente preparata nel periodo Pasquale, poi come ogni ricetta buona e tradizionale si trova ovunque ed in ogni momento dell'anno e si vende in Pasticceria, la panificio ed in tutti i supermercati, insomma la brioche più tipica per la colazione in quella regione ed altre da spalmare con burro e marmellata o con una crema spalmabile .

Ed io oggi ho proprio fatto colazione così , con due morbide fette (senza burro) e confettura di cilieglie Agrisicilia ,la mia preferita.

Una brioche semplice da prepare e che per essere francese non contiene neanche tanto burro , ma è leggermente dolce, soffice e si conserva a lungo perchè la prerogativa non è la morbidezza iniziale, ma il gusto della fetta anche nei giorni successivi ben conservata in una busta per alimenti.

La treccia è il formato tipico, così pure la granella ,particolari che la identificano.

Io non so se è il vero sapore, quello originale di una brioche acquistata in una patisserie francese, ma devo dire che è comunque buonissima e vale la pena di provarla, anche solo per maneggiare un impasto setoso come pochi, dalla manegevolezza estrema, chi ama i lievitati mi comprenderà!

Ringrazio Marianna l'autrice della ricetta, e vi invito alla lettura ed alla preparazione ovviamente , sarà difficile astenersi.

Vi ricordo che sul blog trovate un'intera sezione dedicata ai LIEVITATI DOLCI ed ai DOLCI PASQUALI Inoltre se volete approfondire le vostre conoscenze vi consiglio la lettura di questo articolo su COME INCORDARE UN IMPASTO



Ingredienti

  • Lievitino
  • 100 g di farina w 330
  • 100 g di latte
  • 8 g di lievito di birra fresco, 4g se secco
  • Impasto brioche
  • 400 g di farina w 330 o una manitoba forte con 13,5 di proteine
  • 2 uova a temepratura ambiente
  • 100 g di zucchero
  • 125 g di burro bavarese
  • 90 g di panna fresca per dolci
  • 1 cucchiao di limoncello o rum
  • 8 g di sale
  • 1 cucchiano di estratto di vaniglia
  • Finitura
  • 20 g di panna fresca
  • 20 g di tuorlo
  • Q.b granella di zucchero

Preparazione

Preparazione lievitino

  1. Unire in planetaria il latte, il lievito da sciogliere, in ultimo la farina e mescolare con una frusta perchè non ci siano grumi, versare delicatamnte sopraal lievitino i 400 g di farina ed attendere la lievitazione che sarà indicativamente di 40 minuti e comunque dovremo vedere il lievitino gonfio che fuoriesce dalla farina .
  2. lievitino-brioche-vendenne-

    Preparazione impasto

  3. Aggiungere in ciotola, le due uova, lo zucchero, la panna, eventualmente il limoncello o il rum, avviare l'impasto con la spirale formando una maglia tenace anche se rimarrà sempre un pò grossolana.
  4. Aggiungere il burro bavarese morbido a pezzetti in due volte facendo incorporare e riprendere l'incordatura , aggiungere il sale nel primo inserimento di burro ed impastare fino ad incordare.
    L'impasto deve essere aggrappato alla spirale, la ciotola pulita e tirando deve essere molto tenace ed elastico.
    Arrotondare in ciotola , prelevare l'impasto dare una piega, arrotondare ancora , poggiare in un contenitore preferibilmente cilindrico , prendere la misura per valutare la lievitazione al doppio a 26°, ci impieghera circa 2 ore e mezza
  5. Ribaltare l'impasto lievitato sul piano di lavoro, dividere in tre pezzi di uguale peso e formare tre cordoni ed intrecciare
    poggiare nell'apposito stampo da plum cake o pane in cassetta ed aspettare che lieviti fino al bordo
  6. brioche-intrecciata-
  7. Spennellare con tuorlo e panna , cospargere con granella di zucchero
  8. brioche-vendenne-con-zucchero-
  9. Cuocere in forno caldo statico a 170° per circa quaranta minuti , a venti minuti vaporizzare con uno spruzzino, se vediamo che ai 30 minuti tende a scurire poggiare sopra un foglio di carta forno per evitare che si bruci lo zucchero e secchi la superficie impedendo un adeguato sviluppo
  10. brioche-vendenne-zen- brioche-vendenne-brioche-vendenne-con-marmellata-

Ecco il risultato