parallax background

Panzerotti pugliesi , ricetta e tutti i trucchi per farli perfetti

Panzerotti pugliesi , ricetta e tutti i trucchi per farli perfetti


I panzerotti non sono cibo, ma tradizione, famiglia ed allegria.

Da sempre le serate a base di panzerotti sono la riunione familiare per eccellenza, un pò come il natale, quando ero piccola in questa occasione si radunava tutta la famiglia, si convocavano le donne, era un passaparola micidiale, tutte arrivavano con grembiule, matterello e tanta voglia di ridere e scherzare.

Il panzerotto è dialetto, è puglia, è bari, è l’accento a me familiare che rimbomba ancora nel cuore, solo dopo è fritto, goduria, golosità, ma è innanzitutto famiglia ed amore.

Ogni panzerotto è un salto indietro nel passato Barese, ma non solo, perchè in Sicilia, in quella che è diventata la mia seconda terra, e seconda solo in numero di successione, mia madre non ha mai permesso che altre tradizioni soppiantassero le nostre.

Quindi riunioni di panzerotti, di focaccia, di calzone con la cipolla, di parmigiana rigorosamente pugliese, teglie di patate riso e cozze passate e divise con le sorelle, una lotta all’accaparramento delle cose buone di mia madre che quando cucinava queste cose le preparava per un reggimento e non mai erano abbastanza.

Poi dalla puglia i primi anni arrivavano sempre rape, allora a Catania sconosciute, orecchiette, ricotta forte, mozzarelle, burrate, insomma saremo stati anche trasferiti in Sicilia per motivi di lavoro, ma devo dire che non ce ne siamo quasi accorti! Poi sono cresciuta, sono cominciate le uscite indipendenti, gli inviti e la scoperta della cucina siciliana, che da mamma non e stata mai capita, ma che io ho invece fatto mia al 100%.

Questo per dire che me il panzerotto è una cosa seria ed ho una responsabilità tramandata da generazioni e che a tutt’oggi non ho vinto la gara con la nonna!

Ovviamente per me non è mai stata una gara è diventata tale per i miei figli e nipoti che ,anche se mangiano i miei ,rimpiangono quelli della nonna!

La nonna è stanca ormai ,anche se di tanto in tanto vorrebbe invitare qualche nipote a panzerotti, ma tra una cosa e l’altra è più facile che li mangino da me anche se non saranno mai come i suoi!

In ogni famiglia ci sono ricette che si intrecciano ai ricordi, alla nostalgia di quei momenti , all’infanzia e ad un ‘allegria legata a quei momenti di spensieratezza e salute che fanno si che tutto sia più buono nel nostalgico ricordo!

Questo è il mio contributo alla tradizione barese, che tengo vivo a Catania ed ho fatto apprezzare e conoscere agli amici, questi i miei piccoli rituali per non dimenticare e sebbene quelli della nonna siano mitici, i miei non scherzano!

quindi un invito a guardare la ricetta con tutti i suggerimenti per un panzerotto perfetto se la nonna è d’accordo!



Ingredienti

  • Impasto panzerotti
  • 400 g di farina 0
  • 100 g di farina 00
  • 200 g di latte
  • 100 g di acqua
  • 10 g di zucchero
  • 10 g di lievito di birra
  • 10 g di sale
  • 10 g di zucchero
  • 30 g di strutto
  • Farcitura
  • 250 g di mozzarella scolata ed asciutta
  • 100 g passata di pomodoro
  • q.b. di origano
  • 30 g di parmigiano
  • q.b. di sale

Preparazione

Preparazione impasto con bimby

  1. Inserire nel boccale del bimby latte, acqua lievito, malto 30 sec.vel 2 Passare in modalità spiga e con spiga in movimento unire le farine, lo strutto a fiocchetti morbidi ed il sale impastare il tutto 3 minuti.
  2. Togliere dal boccale e sulla spianatoia spolverata di farina arrotondare l'impasto e formare tante palline possibilmente tutte uguali da 45 g.e far ievitare quasi al raddoppio , ci vorranno circa 60 minuti a 26°
  3. Quando le palline saranno lievitate schiacciare le palline, stendere con il mattarello, farcire al centro e chiudere sigillando i lembi prima schiacciando con le dita poi con i rebbi della forchetta
  4. I panzerotti non vanno farciti tutti subito perchè il liquido della mozzarella e del pomodoro inumidisce l'impasto , quindi bisogna formarne pochi alla volta , friggere e farcire gli altri
  5. I panzerotti si devono friggere in abbondantissimo olio di arachide perchè gonfiano tanto e devono galleggiare non toccare il fondo della padella, indubbiamente più indicata la friggitrice a 180°
  6. Per quanto possiate aver sigillato i bordi , gonfiando qualcuno potrebbe aprirsi perdendo la farcitura e sporcare l'olio che dopo qualche frittura va cambiato altrimenti sporca i panzerottti e diventa pesante.
  7. panzerotti-collage-panzerotti-fritti-panzerotti-pugliesi-panzerotti -pugliesi-

Ecco il risultato